Pessimismo, La Angeles – soddisfazione Mario al de di di politicsblog.it

Lascia un commento

Nel mese di gennaio di quest’anno, che stiamo finendo, abbiamo parlato in questo stesso sito, dalla fase di autocompiacimento, che viviamo nei mercati. Le letture di volatilità erano molto basso, il denaro non riusciva a smettere di entrare in fondi comuni di investimento. Il VIX si è mosso in 10 livelli di continuo. I mercati americani erano battere records sessione dopo sessione. Un rialzo di oltre il 300% su tutti gli indici benchmark negli stati UNITI, non può più, come il centro storico.

Il DAX non è finita, perché ha vissuto una striscia rialzista 10.000 punti ai minimi dal marzo 2009 e ha restituito solo 2600 punti sotto i massimi di gennaio. Quasi il 20%. Il confine tra una tecnica di correzione sano e l’inizio di un mercato orso.

Ma ora ci troviamo in una situazione che possiamo dire è totalmente in contrasto con il momento della soddisfazione dieci mesi fa. Abbiamo cominciato a parlare, il pessimismo. Gli analisti, gestori di fondi, giornalisti,… quasi tutti iniziano a integrare, nei suoi discorsi la parola pessimismo. Cominciano ad accumularsi, raccomandazioni, richieste, segnalazioni, le previsioni, le letture raggruppa gli indicatori precursori rilevanti. Al 20. novembre, nella sua prospettiva, fino al 2019 per i loro clienti, Goldman Sachs ha suggerito di liquidità e di osservare i mercati verso il basso, acquistare azioni in settori difensivi, per paura di una possibile recessione. Martedì i mercati statunitensi hanno lasciato per più del 3%, perché la curva tipi di obbligazioni, gli americani di 2 e 10 anni, levigare e questa circostanza, dopo che si è verificato storicamente, ha annunciato una recessione con quasi due anni di anticipo. La guerra dei dazi del Presidente Trump con la Cina, di giorno in giorno, non dichiarazioni contraddittorie. Bloomberg ha sottolineato che stiamo vivendo, il peggiore momento per investire nei mercati del 1972.

Come ha scritto John Maynard Keynes: “In the long run, we’re all dead”.

Alla fine, è sempre lo stesso, ogni mese, ogni settimana, ogni giorno abbiamo un evento che dichiarano un aumento o una diminuzione dei mercati. Tassi di interesse, obbligazioni, handelskrieg, Brexit, Italia… tutte le Borse reagiscono collegiale, come Antonio Saez del Castillo, paladino, la manipolazione dei mercati.

È complicato mantenere, questo e il diverso, quando i mercati hanno rovesciato oggi all’unisono 3%, ma l’abbiamo non sono dotate di un mercato ribassista. Non ci sono ancora 20% in media annuale dei massimali. Il pessimismo che rappresenta, deve temere gli investitori e carta per spostare la nave, ma se noi attivisti della teoria della opinione contraria ci avrebbero scommesso, in trincea, per continuare la caccia agli orsi. Sullo sfondo, la Borsa è per la gestione della probabilità e della statistica, ciò in quanto, accanto al mercato, quando ci sono; c’è dell’amministrazione l’opportunità di essere sulla pagina giusta.

Il tempo, i principali indici sulla base del abwärtstrendkanals e basta chiudere un anno, e già è negativo. Il passaggio dall’acquiescenza pessimismo è solo una questione eliminare le staffe alla grafica. Tra di loro c’è nulla. Ma verso l’alto.

Buon trading

Mario Angeles

Politica e molto altro ancora su politicsblog.it