47% sono traffico degli controllato in media Marketing building acquisti con link 4… di – su politicsblog.it


Shares

La piattaforma per il content marketing Publisuites, ha appena ricevuto il suo secondo studio sulle tendenze di utilizzo del link building sulla sua piattaforma. La relazione mira a soddisfare le preferenze degli utenti e la sviluppo nel corso dei mesi, questa pratica di posizionamento.

nello stesso modo, è importante sottolineare che la maggior parte degli utenti Spagna, prima di tutto, e anche in america Latina. Ciò può essere dovuto al fatto che gli inserzionisti e, soprattutto, i clienti del paese in cui la piattaforma. Comunque, bisogna dire che la piattaforma si inizia, è necessario che anche la presenza di resto d’Europa (Francia, Italia, Germania, ecc.).

Fonte: Publisuites

La strategia di link building: il modo migliore con i media e tematiche influencers

d’altra parte, il rapporto riflette il fatto che gli inserzionisti sempre più concentrarsi su strategie di link building in temi; a svantaggio di siti web seria come quotidiani o sottodomini. In particolare, l’acquisto di backlinks in ambienti di nicchia è aumentato, 14, se rispetto all’anno 2017.

Nella stessa riga, sarà apprezzato anche un aumento della raccolta fondi, di lavoro, personali e di marca, come influencers. Ciò è dovuto al fatto che c’è una maggiore disponibilità di strategie di link building in questo tipo di locali, perché si trasmette, credibilità e l’autorevolezza. L’influencer è noto nella sua comunità, e quindi la portata è maggiore.

L’inserzionista preferisce attraverso i blog e magazine

E per quanto riguarda il tipo di media che, senza dubbio, gli inserzionisti preferiscono applicare strategie di link building in blog e riviste, che è possibile pubblicare messaggi e non nell’ambito della categoria quotidiani. Oltre ai media multitemáticos, gli ambienti più richiesti durante il 2018 per l’acquisto di backlinks.

Anche nella top-10 sono i generi ‘salute‘, ‘viaggi‘ e ‘bellezza‘, a carico della categoria Marketing, SEO e RSS’ , fate un leggero calo della domanda.

Aumento della link building nei mezzi di trasporti confermato

Una delle principali dati dello studio,e gli inserzionisti devono prendere in considerazione, è l’evidente importanza del reale, i trasporti o la metrica SEO come valore di riferimento per la scelta di una o l’altra, dove è possibile trascorrere una link building strategia.

relazione aumento significativo l’acquisto di media, trasporti confermato rispetto al periodo precedente. Non solo, ma gli acquisti in media con trasporti verifica, costituiscono il 47% per tutti gli acquisti di sponsored post su tutto l’esercizio dell’anno.

link dofollow e anchor testo con esatta parola chiave

durante la creazione di backlinks, gli inserzionisti hanno una chiara preferenza per il 95%, la link dofollow (a sinistra persegue da Google) per quanto riguarda il nofollow. Anche in caso di ordini con due link che domina ancora la scelta del dofollow in entrambi i casi, (88%).

E quando si parla di specie di anchor text, sottolinea l’uso della maggior parte di collegamenti ipertestuali con le parole chiave esatte per la gestione della pagina di destinazione (69%). Sull’altro lato della moneta c’è un calo nell’uso di parole chiave, l’url di destinazione (9%) o con parole senza significato (2%).

Che tipo di Url di destinazione, insieme, più backlinks

La maggior parte dei post sponsorizzati acquistato (42%), contattare il home inserzionista al primo link inserito. Per ulteriori 36% di backlinks che puntano a un prodotto, o dell’articolo, e il tempo il 23% di associare una categoria.

Come si può dedurre da questi dati, gli utenti di sviluppare strategie di link building mettere su trasferimento di autorità homepage di inserzionisti. Nel caso di e-commerce, c’è un altro caso, dato che ha aumentato l’acquisto di backlinks che si riferiscono alla schede . Va notato che questo aumento vale solo per i prodotti e non le categorie.

infine, se consideriamo che tipo di ancoraggio di testo, sono stati utilizzati in ogni obiettivo, sottolinea l’utilizzo di parole chiave esatte sia su pagine home (54%), come per categorie (74%) e chips di prodotto (83%).

Immagine: Depositphotos

articolo di politicsblog