“657 paraguay 1944 una tribù scimmia”,il in cannibale run-in nel denti di con | politicsblog.it

Istanza mancante, prova a ricaricare le istanze

che Cosa sono Alberto Corchón e Iñaki Oscoz nel suo romanzo “657 denti mono” (Viaggi passati), basato sulla vera storia di Isaac Alvarez, un paraguaiano discendente di spagnolo che è stato inviato con la sua famiglia per raccogliere compagno per la profondità della giungla.

Alvarez, il protagonista del romanzo, elegante, generoso, quasi visionario, ha guidato il gruppo attraverso un bosco sconosciuto anche a lui, dove hanno vissuto una storia che non è voluto, e che non poteva dimenticare.

I salvataggi oggi Corchón, di 81 anni, dal conto scrisse a sua moglie, dal defunto, la figlia di Alvarez, e che ha vissuto una ragazza di avventura.

“Mia moglie mi ha raccontato tutta la sua vita, fino al momento della sua morte, tutti coloro che vivevano in quel duro giungla e io, per la giustizia, con il fascino della storia, con l’aiuto di Iñaki, ho deciso di scrivere questo romanzo, che recupera un avventura di persone normali, di vivere e di fare cose incredibili”, spiega l’autore.

Nella giungla, questi abitanti di sito combattuto per sei mesi per la morte tra anaconde giganti, giaguari, selvaggio e una litania di malattie originaria dei tropici.

Non tutti di loro è sopravvissuto e, oltre ad affrontare le difficoltà della giungla, dove sono stati accolti con una delle tribù più temuto d’America: il visibile e cannibali guayakíes.

Con il loro vissuto una bella storia di convivenza del discreto e del rispetto umano, che smonta i miti e apre la mente del lettore, che è a led, a titolo di regalo, la collana con il 657 denti di una scimmia.

“La prima volta che Alberto mi ha insegnato la collana di denti sul mono ho sentito che la storia deve essere raccontata e che è ciò a cui ho dedicato due anni della mia vita,” dice Oscoz, co-autore del libro, circa il monile che dà il nome al libro.

Il romanzo, pubblicato, con l’aiuto del viaggiatore e documentario del regista Daniel Landa, sarà l’esecuzione di questo lunedì, 10 giugno, nella Società Geografica spagnola di Madrid, con un rendimento del folklore del paraguay e l’esposizione di alcuni oggetti realizzati da guayakíes che è venuto fuori dalla foresta dopo l’avventura nel 1944. EFE

Ti è piaciuto l’articolo di politicsblog.it? Condividilo sui social!

Istanza mancante, prova a ricaricare le istanze