GeForce GF114 spazio NVIDIA GTX Ti: 560 esclusiva Politicsblog.it

GeForce GF114 spazio NVIDIA GTX Ti: 560 esclusiva Politicsblog.it

Su luglio 11, 2010, NVIDIA è stato sul mercato per la GeForce GTX 460, la soluzione
prevista per la metà di gamma del mercato e sviluppato su il video del chip GF104, l’evoluzione del
che GPU GF100, che è stato il prodotto finale basato sull’architettura
Ancora. Se i primi modelli equipaggiati con GPU GF100, conosciuta sul mercato come la GeForce GTX 480
e il 470, non del tutto convinto, GF104 è invece stata caratterizzata da una buona relazione
prezzo/prestazione, andando anche a risolvere buona parte dei problemi che i due
modelli di fascia alta hanno evidenziato che il consumo e le temperature di esercizio.

Con lo sviluppo del GF104, NVIDIA ha apportato alcune modifiche nell’architettura della GPU
che siamo stati in grado di andare a ridurre significativamente il consumo; infatti,
non è sbagliato dire che GF104 è stata la prima declinazione davvero
azienda di accessori di Fissaggio. E con la GeForce GTX 460 da NVIDIA, a distanza di mesi, è tornata a
di nuovo essere competitivi sul mid-gamma del mercato, altrimenti dominato dalla fortuna della famiglia Radeon HD 5000 presentato da AMD, tra il 2009 e il 2010.

È stato di circa 6 mesi, e qui è un nuovo modello arriva sul mid-gamma di
mercato: GeForce GTX 560 Ti. All’alba del settore GPU, NVIDIA aveva usato
il suffisso “i” per identificare alcuni modelli della famiglia GeForce 3
GeForce 4. Gli utenti con un po ‘ di più o più anni di esperienza in grado di
ricordate che la GeForce 4 Ti 4800, che si differenzia dalla proposta dedicata al mercato
il potere della GeForce 4 MX 440.

NVIDIA ha una scheda video che dovrebbe, almeno sulla carta, per il
in concorrenza con la AMD Radeon HD 6950. Stiamo parlando di una soluzione che è
il rapporto prezzo/prestazioni, la sua caratteristica principale. Queste specifiche
le tecniche della GeForce GTX 560 Ti confronto con la soluzione e la GeForce GTX 460:

GeForce GTX 460
GeForce GTX 560 Ti
Variazione in %

Il processo di produzione
A 40nm
A 40nm

Il nome in codice della GPU
GF104
GF114

Numero di GPU
1
1

Clock della GPU
675 MHz
822 MHz
+21,7%

Numero di stream processor
336
384
+14,2%

TMU
56
64
+14,2%

Orologio processori stream
1.350 MHz
1.644 MHz
+21,7%

ROPs
32
32

Quantità di memoria
1024 MB
1024 MB

Tipo Di Memoria
GDDR5
GDDR5

Clock Di Memoria
3.600 MHz
4.008 MHz
+11,3%

L’interfaccia di memoria
256-bit
256-bit

La larghezza di banda
115,2 GB/s
128,3 GB/s
+11,3%

La tabella mostra chiaramente su ciò che le impostazioni della scheda video NVIDIA, ha concentrato la sua
gli sforzi per lo sviluppo della nuova soluzione e la GeForce GTX 560 Ti: aumento del
la frequenza di clock e l’aumento del numero di stream processor. Secondo le informazioni
fornito dalla stessa NVIDIA, la GeForce GTX 560 Ti è in grado di garantire un miglioramento
il rapporto performance/watt del 21% rispetto alla GTX 460, con conseguente test
le prestazioni di una media del 33% più veloce rispetto al modello precedente. Dal punto di vista
un punto di vista puramente tecnico, la nuova nata in casa NVIDIA utilizza la stessa configurazione del
Streaming multiprocessor in GeForce GTX 460, con 48 cuda core, quattro unità di spedizione, e
otto unità di texture per la SM. Ciò che di nuovo è presente nel GF114 è il numero di flussi di
processori, il passato del precedente 336 384.

Lo stesso tipo di innovazioni introdotte da NVIDIA nel passaggio da GF100 per GF110
rivive nella nuova architettura dell’ordinario: da questo aumento della
le frequenze di clock, con effetti positivi delle prestazioni, senza alcuna penalità
il consumo di carburante, come ci conferma più avanti nell’articolo.

Il lancio all’inizio dell’anno, poche settimane prima del ces di Las Vegas non è venuta per caso:
NVIDIA vuole sfruttare il momento positivo per il mercato dei computer desktop, supportati da una nuova
CPU Intel della famiglia Sandy Bridge, che ha portato una ventata di aria fresca. Andiamo
quindi, per analizzare le sue prestazioni e la costruzione.


pubblicato su Politicsblog.it